Metodo Tedesco IoVendoBirra

Tecniche di spillatura, terza lezione – Il Metodo Tedesco (parte uno)

Pubblicato il Pubblicato in Tecnica

Il metodo Tedesco.

Un prodotto di qualità, materiali professionali e cortesia: tutto questo non basta per creare un locale di successo.

Il servizio è uno dei momenti fondamentali della pianificazione del lavoro. Scopri come un servizio adeguato della birra ti porterà vantaggi inestimabili.

Il 2016 è stato un anno molto importante per la comunità birraria. Sono passati infatti 20 anni da quando i primi birrifici artigianali aprirono i battenti, era il 1996 quando pochissimi pionieri dell’Home brewing italiano decisero di cercare di fare della loro passione un’impresa commerciale.

Nello stesso anno, anche in Germania si festeggiava. Erano passati 500 anni da quando, prima in Baviera, poi in tutta la Germania unificata, era stato promulgato il famoso Reinheitgebot, conosciuto come “l’Editto di purezza della birra”. Ebbene sì, in Germania c’è una legge, tutt’ora in vigore, vecchia 500 anni, che definisce gli unici ingredienti con cui si può produrre birra.

Il corretto servizio della birra (chiamato Spillatura) ha una duplice valenza: prima di tutto, con la giusta spillatura riesco a ricreare, dentro il mio bicchiere la birra con le caratteristiche più simili a quella che è uscita dalla fabbrica. Secondariamente, aspetto per niente secondario, riesco a vendere al cliente un prodotto più sano, meno gasato, più digeribile. Con conseguenze irrevocabilmente positive sul fatturato del locale, sia esso un pub, un bar, una tavola fredda, ma anche un ristorante o una pizzeria. Il cliente che vuole bersi una birra, sarà talmente veloce a bere la prima che non potrà che ordinarne un’altra. Queste sono considerazioni di un esperto che ha notato questo incremento di consumi, in ogni azienda che ha accettato di servire la birra con il suo giusto metodo di spillatura.

Per motivi culturali, di produzione, gusti, costi e comodità, tutte caratteristiche che non ho spazio di discutere adesso, ma che vedremo durate il nostro corso i metodi di spillatura si raggruppano in 4 metodi: Tedesco, Belga, Inglese e Craft o Artigianale.

Il metodo Tedesco riguarda tutte le produzioni della Germania, ma anche Austria, Polonia e tutte le nazioni di cultura Mitteleuropea. Questo è un metodo molto importante perché è il metodo con cui si devono servire anche le birre storiche Italiane. In Italia la birra era pressoché sconosciuta fino alla fine del 700 e gli inizi del secolo seguente, quando imprenditori che venivano proprio da Austria e Germania (Dreher, Von Wunster, Paskowski, Wuhrer ecc…) pensarono che il nostro paese potesse rappresentare un buon mercato vergine. Le birre prodotte in Italia fino al 1996 sono tutte di stampo filo-Germanico.

IoVendoBirra metodo Tedesco

Il metodo di spillatura Tedesco è molto affascinante dal punto di vista visivo: anche il bancone dove si serve la birra dovrebbe essere strutturato per lasciare “a vista” la spillatura, quindi dovrebbe essere concepito più basso del bancone di un Pub Irlandese, diciamo tra i 100 e i 120 cm. In questa maniera il cliente rimarrà affascinato dalle movenze eleganti del banconiere, chiedendo spiegazione sul perché di questo strano lavoro, creando così i primi presupposti per fare contatto col tuo cliente.

Il metodo Tedesco prevede una spillatura in tre fasi, per un totale di una routine di lavoro di 4-7 minuti. Al corso “IoVendoBirra” capirai perché questo minutaggio che ho scritto non è preciso ma può essere modulato in base a diversi fattori. In questi minuti, il cliente deve essere coccolato, non abbandonato e, così facendo, unitamente alla fragranza della birra che gli servirai, il cliente sarà tuo per sempre.


La seconda parte della terza lezione:

http://iovendobirra.it/tecniche-di-spillatura-il-metodo-tedesco-due


La seconda lezione:

http://iovendobirra.it/tecniche-di-spillatura-seconda-lezione


La prima lezione:

http://iovendobirra.it/tecniche-di-spillatura-prima-lezione

3 pensieri su “Tecniche di spillatura, terza lezione – Il Metodo Tedesco (parte uno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *